“Magicians of the Gods” dimostra che Graham Hancock è Indiana Jones

Diventa sempre più difficile per la scienza occidentale ignorare le indagini interdisciplinari di (potenzialmente) rivelare la realtà invisibile della metafisica, o di nascondere il fatto che forse ci sono davvero reale allucinazioni, come il grande Terence McKenna ha detto una volta.

Anche se la madre divina ayahuasca è menzionata direttamente soltanto una volta nel nuovo libro di Graham Hancock Magicians of the Gods: The Forgotten Wisdom of Earth’s Lost Civilization
, la persistenza intensa e la saggezza della pianta medicinale si sente in tutto il libro.

Magicians contiene una spiegazione convincente per tutto, dalla divinazione, all’astronomia, la guerra sulla consapevolezza, e la saggezza dei magi anziani, alle più strane scoperte archeologiche e geologiche attualmente conosciute. Il testo è di livello bibliofilo soddisfacentemente denso e pieno di note nel miglior modo possibile, una festa alchemica vero e proprio per la mente. [1]

Con Magicians, Graham si unisce ad una serie di altri grandi spensierati avventurieri della storia / archeologia meta-alternativa, incapsulati in altri tomi come il sottovalutato Atlantide di Jocelyn Godwin ed i cicli del tempo: Profezie, tradizioni e rivelazioni occulte e Arktis: The Polar Myth in Science, Symbolism, e Sopravvivenza Nazista. Nel campo della storia alternativa o dell’archeologia proibita, è anche decisamente più conservatore di alcuni dei suoi colleghi. Questa non è una cattiva cosa.

Vi è un argomento convincente che la scienza pura non deve necessariamente essere direttamente in contrasto con il mondo degli spiriti. Insieme a Jeremy Narby, Hancock afferma anche che c’è una grande quantità di valore intrinseco in ‘miti che parlano di scienza’. [2]

La filosofia di base di Magicians può essere distillata in quattro argomenti principali:

1. C’era una civiltà di Atlantide (o anche pre-atlantidea) che Hancock ritiene come generalmente saggia e che (dopo la distruzione della loro civiltà da una cometa) ha insegnato alle prime civiltà di età post-ghiacciale quasi tutto ciò che sanno, al fine di favorire la loro transizione da cacciatori nomadi a civiltà vere e proprie con sistemi agricoli e conoscenze avanzate del calendario / astrologia e tecniche avanzate di alterazione della coscienza.

Le prove per la distruzione di Atlantide possono essere trovate in formazioni geologiche particolari, come nanodiamonds che “… sono diamanti microscopici che si formano in condizioni di grandissime esplosioni, con pressione e calore enormi, e sono riconosciuti come tra le impronte digitali caratteristiche degli impatti potenti da comete o asteroidi. “Si specula che questo sia successo intorno al 10.800 AC.

In aggiunta a questo, forte somiglianze e confronti su scoperte recenti dell’archeologiche come Gobekli Tepe (oltre alla molto meno diffusa Kavahan Tepe nello stesso sito), le terrazze di Gurung Pang, Tuga Gede e Flores Bada Valley in Indonesia, Tiahuanoco e Cuzco in Sud America, e l’Isola di Pasqua sono incluse. Siti classici come le Piramidi di Giza, la Sfinge, e Machu Picchu a Pisa sono rivisti alla luce di nuovi dati.

Questi antichi ritrovamenti indicano la possibilità che queste culture più recente sono state incaricate di costruire questi siti da parte degli antichi.

Tali antichi potrebbero essere gli dei / esseri interdimensionali, che hanno insegnato gli stessi principi esatti di varie culture, indipendentemente dalla distanza o il tempo tra di loro, e che possono essere stati i padroni di Atlantide.

Per qualche motivo, gli archeologici, quelli radicati nel mondo accademico, resistono a fare il confronto di questi siti l’uno con l’altro, e spesso discutono delle date di origine di ciascuno, soprattutto quando si tratta delle teorie di Platone su Atlantis – che non è sempre presa sul serio, da alcuni archeologi, come una civiltà verificabile, nonostante una grande quantità di prove fisiche che possono suggerire il contrario.

2. Uno dei modi che hanno avute le civiltà come i Sumeri, Babilonesi, Egizi e che potrebbero essere stati in contatto con gli anziani di Atlantide attraverso stati di trance (entheogenically indotte o in altro modo). L’idea che le persone possono comunicare con i morti attraverso una varietà di tecniche che alterano la coscienza che trascendevano il complesso mente-cervello è stato ampiamente accettato in passato, ma non è sempre considerato possibile oggi.

3. Una lettura profonda dei testi antichi e la mitologie del mondo indica che la devastazione al core geologico della Terra può essere causata da spiriti o dei attraverso meteorologia estrema al fine di insegnare l’uomo di importanti (anche se a volte decisamente misteriose) lezioni. A quanto pare, questo accade quando l’uomo dimentica il loro debito verso gli Dei e agendo in modo stupido o distruttivo su scala di massa.

4. Visto he ci sono state estinzione con eventi catastrofici nel passato (cioè Atlantis), è plausibile che ce ne siano ancora in futuro. Anche se non ci sono date esatte, Hancock propone una stima approssimative intorno al 2030, citando sia il calendario Maya e il pilastro 43 a Gobekli Tepe con sostegno.

L’unica ragione per Graham di sostenere questo come storia alternativa è perché è attualmente in diretto contrasto con ciò che viene insegnato nel sistema scolastico in tutto il mondo. Perché? Probabilmente perché non segue l’idea di evoluzione perfettamente pulita e lineare; l’arroganza centrale dell’occidente sembra essere che noi siamo in qualche modo la più grande civiltà che sia mai esistita.

La cultura pop rispecchia questi sospetti occulti in un modo un po ‘inquietante e invertita nella trilogia originale di Indiana Jones, in particolare con il tempio maledetto, e più recentemente nel videogioco Uncharted. Graham sembra essere la cosa più vicina a un reale Indiana Jones.

Magicians si differenzia anche dalle impronte digitali classiche, in quanto incorpora elementi di conversazioni con altri ricercatori in modo più diretto, un punto di forza è autodidatta geologo catastrofico Randall Carlson. Questi dialoghi sono apprezzati per il nuovo arrivato della scoperta archeologica alternativa, in quanto apre nuove vie di ricerca da considerare in un già vasto ed estremamente veloce campo in movimento. Questo dimostra che Hancock non è solo.

(Finire di riscrivere da qui in avanti)

Interessante è anche un breve commento sulle osservatori e il mistero della Nephelim dal leggendario libro apocrifo di Enoch:

“… Ci sono angeli buoni, ‘Santi Angeli che watch’-in mezzo a loro Uriel, Raphael, Raguele, Michael, Saraquel, Gabriel e Remiel.And Sono questi angeli buoni Watcher che sembrano Enoch in un sogno e dargli quel messaggio di morte e distruzione a scendere in angeli Watcher danneggiati sul Monte Hermon. Egli ci dice specificamente dove ha ricevuto questo sogno:

‘Sono andato via e mi sedetti presso le acque di Dan, a sud ovest di Hermon … mi sono addormentato ed ecco un sogno venuto da me e visioni caduto su di me e ho visto visioni di castigo e vi fu una voce mi fare offerte a raccontarlo ai figli del cielo e li rimprovero. E quando mi svegliai mi è venuto a loro … ‘

Mentre leggevo questi passaggi, impostare prima del Diluvio, quando il popolo del Libano e la Turchia antica erano ancora in fase di cacciatori-raccoglitori di sviluppo, sembra sempre più evidente per me che Enoch è una figura sciamanica. E come tutti gli sciamani, ovunque, in ogni tempo e luogo, egli attribuisce grande visioni-, che nel suo caso sono disponibili in forma di sogni ricevuto ‘nel sonno.’ “(P. 424)

Anche se Graham non ha la pretesa di comprendere ogni aspetto del mistero di chi esattamente si dice antichi maghi (che sembra avere già frustrati alcuni lettori), sta semplicemente sottolineando ci sono almeno 500 + pagine di prove che possono essere raccolte in attenta esame incrociato tra le varie discipline accademiche. Ho il sospetto che questi risultati saranno inoltre informare l’ultimo capitolo della trilogia eccellente dio della guerra.

Le teorie in materia di devolution culturale o storico nel corso del tempo è ben noto e supportati da una serie di testi antichi, il più evidente nelle scritture vediche dell’India. I Veda indicano che l’universo devolve ciclicamente dall’unione idilliaco con gli dèi nel periodo d’oro, ai dispositivi di sospensione materialistiche dell’età del ferro (l’illusione e l’incanto della materia stessa) che stiamo tenuti a essere saldamente intrappolati in. Questo non è per affermare il dualismo gnostico, senza dubbio ci deve essere ancora modi per squarciare il velo mente-cervello non-dualistica e contattare il mondo dello spirito, ma è probabile che questo è stato compiuto un po ‘più facile in passato. [4]

Fortunatamente, però, per coloro che non sono convinti dal mito e solo la filosofia, c’è una quantità enorme di materiale concreto prove raccolte in un unico luogo ritrovata negli archivi archeologici e geologici per una civiltà più saggio e più vecchio di quanto non sia stato in precedenza riconosciuto.

Finora una delle critiche centrali di ripetizione che è stato rivolte a maghi (almeno dal Rio delle Amazzoni Recensioni finora) è un cosiddetto licenziamento di Zaccaria Sitchin, ma su precedenti messaggi di social media Graham sembra essere rimasto aperto per l’implicazione di Nibiru, sebbene in discussione le specifiche previsioni lasso di tempo e l’impatto potenziale complessivo della teoria pianeta X ora infame. In altre parole, non sa per certo che cosa è in su con esso definitivamente, ma sarà mantenere la mente aperta alla possibilità del suo potenziale esistenza e influenza spirituale / fisico.

Per fortuna non c’è nulla di maghi (o una qualsiasi delle precedenti opere di Hancock) che colpisce uno come occhio stellato o ingenuo. Come un testo post-internet, è in ogni modo un libro più accademico rigoroso di Impronte degli Dei, e Underworld, che erano già tomi formidabili. A deve leggere.
Google Traduttore per il Business:Translator Toolkit

 

Lost Lands Found by Scientists

The Lost Continent of Mu

Scientists announced this week that a lost continent, off the coast of Brazil, may have been found. Two years ago, they dredged granite boulders from the seafloor, which might be remnants of a long-vanished continent according to Roberto Ventura Santos. The director of Brazil’s Geology Service said “This could be the Brazilian Atlantis” to reporters, adding that he was speaking metaphorically, not claiming to have found the myth continent. Santos and his team speculated that the granite belonged to a continent that was submerged when Africa and South America drifted apart and formed the Atlantic Ocean about 100 million years ago, so they obviously don’t expect to find a city there.

 

Michael Wysession, an Earth and planetary scientist at Washington University in St. Louis, noted that granite can find its way onto the seafloor through other means. “There are pieces of granite in the middle of the seafloor that date to about 800 million years ago when we had a snowball Earth scenario and there were large pieces of rock embedded in ice rafts”—mobile glaciers, essentially—”all over the ocean,” explained Wysession, who was not part of the discovery. “As those ice rafts were melting, large blocks of rock dropped down all over the seafloor. “Wysession thinks that because the ocean floor has been extensively mapped with satellites, it is unlikely that evidence for any major lost continent will be found. “There’s nothing that big that’s hidden down there” he said.

Don’t expect to find the Atlantis lost world, Tolkein’s Middle Earth, James Hilton’s Shangri-La or Lewis Carroll’s Wonderland.
Atlantis: The Lost Continent Finally Found

Real continents rarely disappear in such dramatic fashion. “Continents by definition are made of low-density rock and cannot be subducted deep into the earth” explained Staci Loewy, a geologist at the University of Texas at Austin. Nonetheless, there are real “lost lands” like the Brazilian “Atlantis” that have disappeared from view because of rising seas or the geological upheavals of plate tectonics and erosion. “Parts of continents can be worn down by erosion, and fragments can be broken off and isolated as micro-continents when larger continents break apart” Loewy said.

Magicians of the Gods: The Forgotten Wisdom of Earth’s Lost Civilization

Here are some actual “lost lands” discovered by science:

Pangaea

A super-continent believed to have formed around 300 million years ago which broke up to eventually form the continents we know today. Scientists now think several other super-continents—such as Kenorland, Columbia, and Rodinia—existed before Pangaea, but the shapes of these ancient land masses are unclear. Rodinia, for example, was a supercontinent thought to have been formed about one billion years ago; it’s believed that it subsequently broke apart to form Pangaea. “Those pieces are now part of the modern continents, but they have been significantly altered by one billion years of tectonics and erosion such that reconstructing the super-continent of Rodinia is very difficult” explained Loewy. While they appear stationary, Earth’s landmasses shift around over geologic time, carried across the planet’s surface by the slow grinding movement of enormous shell-like plates. “The surface of the earth is made up of a rigid layer called the lithosphere; the lithosphere is broken into numerous pieces referred to as tectonic plates” Loewy explained. “These plates move around the surface of the Earth, colliding into each other, creating mountains such as the Himalaya and Andes; pulling apart from each other, creating volcanic ridges in the middle of oceans like the mid-Atlantic Ridge; and sliding past each other, such as in the San Andreas Fault in California. ”

Mauritia

Scientists earlier this year announced that they had found evidence of a drowned “micro-continent” off the coast of Africa, near the island of Mauritius. Sand grains from Mauritius’s beaches were found to contain fragments of the mineral zircon that were between 660 and 2 billion years old—far older than the island itself. One theory is that the sand grains are remnants of Mauritia, a lost micro-continent that once existed off the coast of Africa and which was submerged when India broke apart from Madagascar about 85 million years ago. Micro-continents are shards of land broken off from continents and super-continents. The distinctions among the three aren’t clear-cut, however, and labeling a landmass a continent or micro-continent can be arbitrary since there are no precise size requirements for each term. New Zealand, for example, is actually part of a large continental structure that includes the Campbell Plateau. “It’s not all that different in size from Australia, but because most of it is underwater, we call Australia a continent and New Zealand an island,” Wysession said. Microcontinents can also merge into larger structures. For example, “the north African edge of the super-continent Gondwana broke up into slices like the pieces of an apple, and each of those [micro-continents] moved north to form southern Europe,” explained Louis Jacobs, a paleontologist at Southern Methodist University in Dallas, Texas.

Beringia

Though Asia and North America are now separated by a thin strait, it is very shallow—about 150 feet (46 meters) deep—and when sea levels are low, such as during ice ages, the two continents are connected by a land bridge known as Beringia.

According to a controversial theory, humans heading east after leaving Asia some 40,000 years ago found their way blocked by glaciers and were forced to settle in Beringia for thousands of years until conditions thawed enough for them to continue to North America.

Less contentious is the theory “that the Clovis people came over from Siberia to North America about 14,000 years ago” Wysession said.

Scotland’s Hidden Landscape

In 2011, geologists studying ocean-mapping data stumbled upon a previously unknown landscape now buried beneath more than a mile of marine sediment off the coast of Scotland.

The hidden landscape, which had an estimated area of about 3,861 square miles (10,000 square kilometers), had furrows cut by rivers and peaks that were once part of mountains.

Scientists think it was briefly elevated above the waves by geological processes about 55 million years ago but became submerged again after about 2.5 million years.

Source: National Geographic